Dove Andare

Dalla struttura ci si può avventurare in diversi itinerari naturalistici, vie e sentieri alla scoperta di affascinanti paesaggi e tradizioni culinarie in quanto la zona è quella di produzione del buonissimo ed unico formaggio Parmigiano-Reggiano di montagna. Tantissimi i percorsi adatti alla bici da strada, alla MTB e per cicloturisti, con differenti gradi di difficoltà. È possibile noleggiare mountain bike elettriche (E-Bike a pedalata assistita) per godersi i sentieri e le strade sterrate in totale relax. A poca distanza si possono trovare anche percorsi per gli appassionati del downhill.

A breve distanza è possibile visitare i castelli, i palazzi signorili, le splendide chiese e i borghi, luoghi storici dell’Appennino Reggiano.

Nella stagione tra la fine di maggio e giugno e tra fine agosto e ottobre, partendo dalla struttura, in pochi minuti di macchina, è possibile salire alle altitudini più elevate dell’Appennino per raccogliere, nelle macchie o nei boschi di cerro, quercia, castagno, carpano e faggio, i buonissimi funghi porcini dell’Appennino reggiano.

La struttura si trova anche al centro di splendidi itinerari motociclistici tra le Terre Matildiche, la Garfagnana e la Lunigiana. Centinaia di curve e tornanti che si snodano dall’Emilia alla Toscana nel cuore del Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano, attraverso il Passo Pradarena (1.579 m di altitudine), il Passo del Cerreto (1.261 m) e il Passo del Lagastrello (1.198 m), in mezzo ad una natura bellissima ed incontaminata, magiche atmosfere adatte a gustarsi straordinari giri in moto di tutte le tipologie.

Nel calendario degli eventi locali da annoverare, l’appuntamento più significativo è l’antica Fiera di San Michele che si celebra normalmente nell’ultimo week end del mese di Settembre di ogni anno. Nelle vie e piazze del centro storico di Castelnovo ne’ Monti si tiene uno degli appuntamenti economici principali dell’autunno dell’Appennino Reggiano. La fiera di Castelnovo né Monti celebra una tradizione antica con oltre le 500 edizioni. La manifestazione offre l’esposizione di prodotti dell’agricoltura, dell’artigianato e del commercio. In fiera si può trovare la mostra mercato dei bovini, di attrezzature agricole, industriali e prodotti per l’agricoltura, una mostra delle attività produttive e commerciali, il mercato del contadino e centinaia di variopinte bancarelle. Inoltre, si possono trovare i prodotti agricoli tipici dell’Appennino Reggiano che, tra settembre ed ottobre, offre il meglio dei suoi prodotti come le castagne e i marroni, i funghi porcini e il vino nuovo.

Altro evento di importanza extraterritoriale è il Festival Cittaslow dei Cibi di Strada. La manifestazione normalmente organizzata nel mese di luglio di ogni anno, propone un percorso nel mondo enogastronomico ed artistico delle diverse regioni, partendo dai cibi di strada che raccontano le radici del luogo di produzione.

Nel weekend del Festival che si tiene in località Felina, frazione del Comune di Castelnovo ne’ Monti, è possibile riscoprire i sapori più semplici attraverso i cibi di strada dell’Appennino Reggiano come: l’erbazzone, il gnocco fritto, la polenta “stiada”, oltre a tantissimi prodotti delle altre Cittaslow italiane. Nella stessa manifestazione è possibile degustare ed acquistare i prodotti di strada delle aziende del circuito italiano Cittaslow.

Nella stagione invernale è possibile raggiungere le più importanti stazioni sciistiche dell’Appenino Tosco Emiliano come Cerreto Laghi, Febbio e Ventasso, per praticare ogni tipo di sport invernale come discesa e sci di fondo, oppure il pattinaggio.

Elenco dei Luoghi

Pietra di Bismantova raggiungibile in pochi minuti anche a piedi dalla nostra casa attraverso il sentiero CAI, è un massiccio roccioso grande e spettacolare che domina il paesaggio circostante, alto circa 1047 metri s.l.m., con pareti verticali che superano i 100 metri, citato anche da Dante Alighieri nel IV Canto del Purgatorio.

Numerosi sono i percorsi di: trekking, escursionismo, mountain bike, equitazione e soprattutto arrampicata sportiva che si sviluppano attorno alla rupe.

La Pietra di Bismantova si può considerare la più importante e completa palestra di roccia dell’Emilia Romagna.

La Pietra di Bismantova offre anche una via ferrata, definita “Ferrata degli Alpini”, realizzata ed aperta al pubblico nel 1971.

Gessi Triassici, creazioni di gesso risalenti al periodo triassico (circa 200 milioni di anni fa) che il fiume Secchia ha scavato nei secoli, dando luogo a scoscesi ed alti versanti delle vallate del fiume dal tipico colore bianco, sono situati nella alta valle delo Fiume Secchia fra il Comune di Castelnuovo Monti e il Comune di Villa Minozzo in Provincia di Reggio Emilia, sono raggiungibili in pochi minuti di auto ed anche a piedi attraverso il sentiero CAI.

Lago Calamone, lago di origine glaciale che si trova a circa 1400 m di altitudine, è situato sul versante nord occidentale del monte Ventasso, nell’omonimo comune di Ventasso municipio di Ramiseto in Provincia di Reggio Emilia.

Castello di Rossena è tra i più famosi, visitabili e tuttora in ottime condizioni. Fu costruito verso l’anno 940, si trova nel comune di Canossa in provincia di Reggio Emilia. Territorio delle terre di Matilde di Canossa celebre contessa del medioevo, erede dell’area che si estendeva dalla Toscana passando per l’Emilia sino a Mantova. Luogo della conciliazione dell’imperatore Enrico IV col pontefice Gregorio VII nell’anno 1077, di cui Matilde di Canossa fu protagonista. Nei dintorni c’è anche il Castello di Canossa che della struttura originaria mantiene solo le tracce delle mura e della del tempio con la chiesetta romanica.

Castello di Carpineti, risale al X secolo, si trova nel comune di Carpineti in provincia di Reggio Emilia. Fu di proprietà della contessa Matilde di Canossa e nel 1077 papa Gregorio VII vi si rifugiò per proteggersi da Enrico IV.

Parco Avventura Cerwood, si trova nel Parco Fonti di S. Lucia in Località Cervarezza Frazione Busana nel Comune di Ventasso Provincia di Reggio Emilia. Il primo parco avventura nato in Emilia Romagna, con ben 25 percorsi differenti: 6 per bambini, 13 per ragazzi e adulti e 6 percorsi pratica. Più di 220 giochi diversi per bambini e adulti per divertirsi camminando sospesi in aria in tutta sicurezza.

Fonti di Poiano, sorgenti carsiche da cui sgorga acqua salata situate nell’omonima località nel Comune di Villa Minozzo in Provincia di Reggio Emilia. Sono affluenti di destra del fiume Secchia e situate nell’area dei Gessi Triassici.

Cerreto Laghi è una località turistica Frazione di Collagna nel comune di Ventasso. È una nota stazione sciistica dotata anche di uno splendido palaghiaccio, situata all’interno del Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano. Si trova circa 2 chilometri dal Passo del Cerreto (1.261 m), valico della Statale SS63 che separa l’Emilia dalla Toscana ed in particolare la Provincia di Reggio Emilia da quella di Massa Carrara.

Monte Cusna, alto 2120 metri sul livello del mare, è la maggiore cima dell’Appennino reggiano e del Parco nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano, la seconda dell’intero Appennino Settentrionale dopo il Monte Cimone. Si sviluppa sui territori dei comuni di Villa Minozzo e Ventasso in Provincia di Reggio Emilia. Ricco dal punto di vista naturalistico e presenta numerosi sentieri e rifugi. Su un versante del Monte Cusna si può visitare l’Abetina Reale, immensa foresta di conifere caratterizzata da antichi esemplari di abete bianco.

Vi sono poi i Prati di Sara, attorniati da faggeti, i Prati di Sara sono una brughiera d’altura che si estende sul versante ovest della montagna, particolarmente suggestiva durante la fioritura e in autunno.

I rifugi da visitare:

  • Rifugio Cesare Battisti (1759 m). Rifugio del Club Alpino Italiano, si trova nel lato sud-ovest della montagna nei pressi del passo di Lama Lite. Raggiungibile da Civago in Comune di Villa Minozzo mediante il sentiero 605 che attraversa l’Abetina Reale, da Pian Vallese (Febbio-Villa Minozzo) tramite il sentiero 607 del Passone oppure tramite il sentiero 629 della Valle dell’Ozola (Ventasso/Ligonchio);

  • Rifugio Bargetana (1740 m). Si trova sul sentiero 633 nei pressi dell’omonimo lago ai piedi del Monte Prado.

  • Rifugio Segheria (1410 m). Posto nel mezzo dell’Abetina Reale raggiungibile da Civago, in Comune di Villa Minozzo, con il sentiero 605.

  • Rifugio San Leonardo (1240 m). Antico ospitale ristrutturato del XII secolo. Si trova sul torrente Dolo, lungo il sentiero 605A tra l’Abetina Reale e Civago.

  • Rifugio Monte Orsaro (1300 m). Si trova a Monte Orsaro ed è raggiungibile in auto da Villa Minozzo. Punto di partenza dei sentieri per il Monte Cusna e i Monti Prampa e Cisa.

  • Rifugio Peschiera Zamboni (1151 m). Posto in località Ronco Pianigi nei pressi di Febbio Villa Minozzo, è raggiungibile in auto. Punto di partenza del sentiero 617 per il Monte Cusna.

Lavacchiello, spettacolari cascate in Località Ligonghio Comune di Ventasso Provincia di Reggio Emilia, che si articolano in diversi salti d’acqua, compiendo un dislivello complessivo di circa 50 m, lungo il versante destro del torrente Ozola, a valle della confluenza tra il Canale del Lavacchiello e il fosso Lama Cavalli.

Antico Borgo Medioevale di Votigno, si trova a pochi chilometri dal Castello di Rossena. È considerato uno dei borghi medioevali più belli d’Italia. Completamente ristrutturato, mantiene la struttura originale in pietra del villaggio e le costruzioni, arroccate intorno all’antica torre e alla piazzetta, offrono al turista il fascino e la meraviglia di un viaggio nel tempo. Il Borgo Medievale è molto particolare perché è la sede del Centro di Cultura Tibetana “La Casa del Tibet”, principale realtà del genere in Europa ed unica in Italia.

 

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi